Incredibile ritrovamento: il piu vecchio Homo sapiens “europeo”, trovati durante Bulgaria resti di oltre 45.000 anni fa

Incredibile ritrovamento: il piu vecchio Homo sapiens “europeo”, trovati durante Bulgaria resti di oltre 45.000 anni fa

Nella antro di Bacho Kiro, durante Bulgaria, e governo individuato un fossile di Homo sapiens risalente per di piu 45.000 anni fa

  • Fomentatore scritto

E la con l’aggiunta di antica risalto diretta della presenza della nostra specie in Europa: le datazioni dei reperti sono state realizzate da un team universale chiaro dalla professoressa Sahra camera nuziale dell’corporazione di Bologna, riconoscenza ad un’analisi al radiocarbonio ad altissima cura

Nella cantina di Bacho Kiro, mediante Bulgaria, e condizione individuato un fossilizzato di Homo sapiens risalente a piu in la 45.000 anni fa: e la oltre a antica indiscutibilita diretta della parvenza della nostra meraviglia sopra Europa. La datazione del reperto e stata realizzata ringraziamenti ad un team qualificato con datazioni al radiocarbonio ad altissima rigore guidato dalla professoressa Sahra camera nuziale dell’associazione di Bologna.

La esplorazione anticipa di ben 2.000 anni, rispetto a quanto ipotizzato sagace ad oggigiorno, l’arrivo della nostra stupore nelle latitudini medie dell’Eurasia, e aumenta di effetto il proposizione di equilibrio sopra Europa con Homo sapiens e umanita di Neandertal. Oltre a cio, con i reperti recuperati sono emersi oggetti sopra osso in quanto ricordano quelli prodotti millenni ancora tardi dagli ultimi Neandertaliani durante Europa dell’ovest: un principio giacche ratifica la teoria dei contatti e degli scambi, ed culturali, avvenuti tra sapiens e la popolazione con invecchiamento di Neandertal.

I risultati di questi nuovi studi – coordinati da scienziati del Max Planck Institute for Evolutionary Anthropology (Germania) – sono stati pubblicati quest’oggi mediante paio paper. Il originario, uscito contro Nature Ecology & Evolution, e intitolato alle datazioni al radiocarbonio dei reperti, e ha poi provvisto le basi in il successivo, uscito verso Nature, giacche descrive il prospetto delle mutamento emerse dalla campagna di buca.

IL con l’aggiunta di PRIMITIVO SAPIENS “EUROPEO”

Situata verso pochi chilometri dalla piccola agglomerato bulgara di Dryanovo, ai piedi dei Monti Balcani, la spelonca di Bacho Kiro e un posto archeologico ben noto. Venne indagato in passato alla intelligente degli anni ‘30 del tempo passato e appresso di nuovo negli anni ‘70, dal momento che furono trovati ed alcuni frammenti di resti umani. Durante approfondire il ambiente di quei primi ritrovamenti e procurarsi una successione oltre a precisa della amicizia umana della cantina mediante era preistorica, nel 2015 sono stati effettuati nuovi scavi in fondo la consiglio dell’Istituto azzurri Archeologico Bulgaro e del Max Planck Institute.

La originalita operazione di cava ha licenza di consegnare alla esempio un gran bravura di nuovi reperti. Entro i quali, negli strati archeologici corrispondenti alla stadio cifra del Paleolitico eccelso, sono emersi un cocuzzolo e cinque frammenti ossei cosicche, grazie all’analisi del DNA mitocondriale, sono omegle stati attribuiti ad esemplari di Homo sapiens. Verso codesto base epoca cosi fondamentale apprendere l’esatta successione dei nuovi fossili.

L’analisi sui reperti umani e stata realizzata dal equipe della professoressa Sahra alcova e dal staff di Lukas Wacker dell’ETH di Zurigo (Svizzera), utilizzando un ingenuo avvicinamento attraverso le datazioni al radiocarbonio in quanto ha concesso di acquistare un’altissima nitidezza. E in unito dei sei fossili esaminati, l’analisi ha restituito una datazione somigliante verso di piu 45.000 anni fa.

“L’analisi al radiocarbonio prova cosicche questi fossili risalgono alla fase primo del Paleolitico eccelso e rappresentano conseguentemente la oltre a antica garanzia diretta della parvenza della nostra stupore sopra Europa”, spiega la professoressa letto nuziale. “Queste datazioni sono state possibili gratitudine ad un ingenuo prassi al norma del radiocarbonio che ha autorizzazione al nostro team di giungere una cura giammai ottenuta precedentemente. Non soltanto: le datazioni del luogo di Bacho Kiro compongono il ancora numeroso dataset di un personale sito paleolitico per niente realizzato da un staff di ricerca”.

“La maggior parte delle ossa di animali che abbiamo superato hanno segni di variazione da parte dell’uomo, ad esempio segni di macellazione”, dice Helen Fewlass, dottoranda della professoressa Talamo e inizialmente autrice del paper stampato sopra Nature Ecology & Evolution. “Questi dati, insieme alle datazioni dirette delle ossa umane, ci forniscono un pittura cronologico alquanto pallido di quando l’Homo sapiens ha preso attraverso la inizialmente turno questa caverna, nell’intervallo frammezzo a 45.820 e 43.650 anni fa, e implicitamente precisamente 46.940 anni fa”.

“Il situazione della Grotta di Bacho Kiro documenta una prima ondata di Homo sapiens, in quanto entro in amicizia per mezzo di gli uomini di Neandertal e porto durante Europa nuovi comportamenti“, aggiunge Jean-Jacques Hublin, dirigente del Max Planck Institute for Evolutionary Anthropology (Germania) e iniziale promotore del paper stampato riguardo a Nature. “Questa cavallone e durante gran brandello trascorso per quella affinche 8.000 anni dietro porto alla definitiva annullamento dei Neandertal mediante Europa occidentale”.

UNA COESISTENZA PROLUNGATA

La conferma della apparenza dell’Homo sapiens mediante Europa precisamente precedentemente di 45.000 anni fa permette di ampliare di 2.000 anni il proposizione di convivenza fra la nostra meraviglia e l’Uomo di Neandertal, in quanto scomparve intorno a 40.000 anni fa. Una convivenza prolungata in quanto ha certamente influenzato i percorsi delle paio classe, mezzo mostrano alcuni indizi trovati continuamente nella cantina di Bacho Kiro.

Dall’altra parte ai resti umani, i nuovi scavi hanno in realta portato alla apertura di nuovo alcuni manufatti durante osso e avorio, costantemente risalenti alla eta primo del Paleolitico superiore. Oggetti che i ricercatori hanno collegato a testimonianze neandertaliane di alcuni millenni ancora tardivamente ritrovate in altre aree d’Europa.

“I manufatti con scheletro e avorio che abbiamo rinvenuto in Bulgaria sono inaspettatamente simili a quelli prodotti dai Neandertaliani nella periodo anteriore alla loro estinzione, venuti alla luce nella Grotte du Renne, con Francia”, ratifica Sahra camera nuziale. “Questa somiglianza – aggiunge Jean-Jacques Hublin – ingresso verso assumersi l’ipotesi secondo cui questi comportamenti Neandertaliani siano il risultato di incontri ravvicinati per mezzo di i primi gruppi di Homo sapiens arrivati con Europa”.

I PROTAGONISTI DELLO STUDIO

Le scoperte emerse dai nuovi scavi nella grotta di Bacho Kiro sono riportate per coppia articoli: ciascuno pubblicato circa Nature (“Initial Upper Paleolithic Homo sapiens from Bacho Kiro Cave, Bulgaria”) e unito circa Nature Ecology & Evolution (“A C chronology for the Middle-to-Upper Paleolithic transition at Bacho Kiro Cave, Bulgaria”). Lo ateneo e governo realizzato da un largo staff multirazziale preparato da scienziati del Max Planck Institute for Evolutionary Anthropology (Germania).

Attraverso l’corporazione di Bologna ha partecipato alla analisi la professoressa Sahra letto nuziale, istitutore al distretto di Chimica “Giacomo Ciamician” e Principal Investigator del progetto di inchiesta europeo RESOLUTION (ERC Starting Grant No. 803147). Il intenzione e pensato per ingrandire set di dati di calibrazione al radiocarbonio ad alta ardire giacche permettano di procurarsi datazioni mediante gradimento di contegno insegnamento sui periodi soluzione della preistoria europea.

Bir cevap yazın

E-posta hesabınız yayımlanmayacak. Gerekli alanlar * ile işaretlenmişlerdir